Massimo Galtarossa (Padova), Le personificazioni allegoriche di Venetia nelle orazioni politiche del Cinquecento

Nel 1982 lo storico Gaetano Cozzi osservava che, dopo l’incendio di Palazzo ducale del 1577, erano state erette due statue in pietra sulle due facciate dell’edificio raffiguranti una la giustizia e l’altra Venezia »in forma di giustizia« in modo tale che osservando il centro del potere dalla piazzetta o arrivando dalla parte della laguna l’emblema della Repubblica era condensato nella sollecitudine nel rendere giustizia ai propri sudditi. Si trattava di una personificazione allegorica di Venezia presente fin dal Medioevo in sculture, medaglie, monete ed emblemi di non univoca lettura.

Eppure nel tardo Cinquecento con il programma ideologico per la nuova decorazione pittorica a Palazzo ducale, in particolare l’intervento comprese le sale dei principali collegi e magistrature, queste autocelebrazioni presero forma attraverso i quadri di Tiziano, Palma il Giovane, Jacopo Tintoretto e Paolo Veronese. Venezia era rappresentata come ora come regina, sia per la titolarità del regno di Candia, ma soprattutto intesa come dominatrice del mare Adriatico, o per meglio dire ne era sposata, o ancora scambiata con la Vergine, scaturita dall’intervento divino presente fin nella sua fondazione e considerata trionfatrice nella pace. Se il tema allegorico è stato approfondito per la storiografia delle immagini quello che manca è un indagine che tenga conto di come questi contenuti si rifletterono nella pratica di governo, nella comunicazione politica, nonché nel rapporto fra Venezia e la sua terraferma.

Le fonti da analizzare comprendono le opere letterarie a carattere panegirico, le Laudes e le orazioni pronunciate da patrizi veneziani, nobili e nunzi della terraferma, nonché da professori e dalle »nationes« studentesche dell’Università di Padova. Ad esempio in queste rappresentazioni del secondo Cinquecento anche la variante di Venetia come guida Astrea, cioè la vergine stellare che simboleggia la giustizia, è ben rappresentata.

Bibliografia essenziale : A. Buck, »Laus Venetiae« und Politik im 16. Jahrhundert, in: Archiv für Kulturgeschichte 57/1 (1975), p. 186–194; La città italiana del Rinascimento tra utopia e realtà, a cura di A. Buck e B. Guthmüller, Venezia 1984; G. Cozzi, Repubblica di Venezia e stati italiani. Politica e giustizia dal XVI al XVIII secolo, Torino 1982; Id., Venezia regina, in: Crisi e rinnovamenti nell’autunno del Rinascimento a Venezia, a cura di V. Branca e C. Ossola, Firenze 1991, p. 1– 9; E. Crouzet-Pavan, Immagini di un mito, in: Storia di Venezia, t. IV: Il Rinascimento: politica e cultura, a cura di A. Tenenti e U. Tucci, Roma 1996, p. 579–601; L. Puppi, Nel mito di Venezia. Autocoscienza urbana e costruzione delle immagini: saggi di lettura, Venezia 1994; W. Wolters, L’autocelebrazione della Repubblica nelle arti figurative, in: Storia di Venezia, t. VI: Dal Rinascimento al Barocco, a cura di G. Cozzi, P. Prodi, Roma 1994, p. 469–513.

fotogaltarossa (1)Massimo Galtarossa studied history of historiography at the University of Padova and took his PhD in European Social History at the University of Verona in 2007 with a thesis entitled »Mandarini veneziani. La Cancelleria ducale nel Settecento« (published Rome 2009). He was fellow of the excellence project »Science, politics and religion at Padua University.  Freedom of research and criteria of institutional regulations between the 16th and the 18th century« (2009–2010). Currently he conducts post-doctoral research at the University of Padua and is part of the editorial staff of the magazine »Settecento«. His interests are also directed to the history of the Republic of Venice in early modern times. He published essays on the roman tradition of the Tribunate of Plebs in Venice, on the regal touch belief attributed to french kings in the 16th century and on the invention of traditions that considered the University of Padova as a foundation of Charlemagne.

Galtarossa Venetia (1)

Jacopo Ligozzi, Allegoria di Venezia, Firenze, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, inv. 1909 F.

 

To the program.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *